La memoria è salva! A muro dei Francesi, un nuovo vincolo.

Condividi

 tre amigos parco appia

 

Ciampino, 15 luglio 2015

Dal 10 luglio scorso l’amministrazione ciampinese deve trattare l’area del Muro dei Francesi in termini diversi, come un complesso di interesse culturale importante e non più come un nuovo cementificio travestito da emergenza abitativa. Lo dice il Ministero dei Beni Culturali che si è espresso sulle sorti dell’area avviando un procedimento di tutela diretta sull’area del Muro dei Francesi che risulta praticamente inappellabile. Insomma, soprintendenza batte PD Ciampino 1-0: fine della partita, i cittadini potranno finalmente andare al parco! Per la prima volta si parla di concetti fondamentali come “contesto” e “memoria”, di un insieme di «beni culturali che forma un inscindibile UNICUM con le porzioni di aree verdi che li circondano (…)» e soprattutto «sulla base delle iterazioni e relazioni visive tra gli stessi, conferisce all’intero sito così delimitato un significato complessivo notevole che spazia tra la monumentalità dei singoli elementi/corpi architettonici al valore di MEMORIA storica (…)». Aspetteremo la relazione storicoartistica che integrerà il provvedimento ma, a parte gli 80 giorni per un eventuale ricorso, si può iniziare a lavorare fattivamente intorno al progetto di un Parco Pubblico Attrezzato che non permetterà di posare nemmeno un mattone di quelli preventivati. Questa è una vittoria di tutti i cittadini, delle associazioni che lottano da anni per impedire di deturpare ancora il nostro territorio, ed è anche la vittoria degli attivisti del M5S di Ciampino e Morena e i portavoce al Comune che hanno portato alla giusta attenzione delle istituzioni nazionali il pericolo di perdere un altro pezzo di storia territoriale grazie alle interrogazioni al Ministro e l’ultima audizione col neo soprintendente Bureca presentate dalle nostre parlamentari a 5 stelle Michela Montevecchi, Roberta Lombardi e Chiara Di Benedetto. Con questi atti, i nostri portavoce ciampinesi hanno potuto riportare e amplificare l’attaccamento e l’importanza di quelle poche testimonianze che rimangono sul nostro territorio necessarie al ritrovamento di un’identità storica calpestata da tanti anni di ignoranza popolare e speculazione edilizia. Possiamo finalmente abbattere i confini di Ciampino creando una continuità culturale con Roma che parte dal meraviglioso Parco dell’Appia Antica e ci accompagna fino alla Tenuta del Muro dei Francesi Un BRAVO a tutti i cittadini attivi che ancora credono che questo paese possa cambiare e un monito alla maggioranza di governo ciampinese: considerando che l’attuale Vice-sindaco nonché Assessore all’urbanistica Verini è stato il depositario del ricorso al TAR per l’annullamento del precedente vincolo – Ciampino5stelle.it Comunicato n. 2015-015 basando sullo stesso peraltro la campagna elettorale dell’attuale sindaco – ci aspettiamo un nuovo e concreto impegno per la realizzazione di questo parco pubblico. È l’intera cittadinanza che ve lo chiede.

I portavoce M5S e gli attivisti tutti.

Condividi